Comunità cristiana della chiesa di Cristo in Firenze. Dottrina di fede, luoghi e orari di culto, corsi biblici via internet, incontri di studio e di preghiera
Chiesa di Cristo di Firenze - HOME
"...esaminando ogni giorno le Scritture per vedere se le cose stavano così."
Atti 17:11

 

Testimonianze
Approfondimenti
Studi biblici
Preghiere-ringraziamenti
La tua domanda
Ti invitiamo
Approfondimenti 
"Chi ha veramente ucciso Gesù?" - Carl Mitchell


Una produzione cinematografica fatta da Mel Gibson intitolata "La Passione di Cristo," ha suscitato molta polemica. Gli Ebrei hanno paura che potrebbe creare un'eruzione antisemita. I mass media accusano che sia uno strumento d'odio. Altri hanno detto che c'è troppa violenza. La rivista Newsweek ha pubblicato un' articolo che presenta questa domanda, " Chi Ha Ucciso Cristo"? Se facciamo attenzione alla risposta che ci dà la Santa Bibbia, vediamo che di persone responsabili della sua morte, ce ne sono molte.

La Bibbia ci dice che Giuda, uno degli apostoli, era colpevole. "In quell'istante, mentre Gesù parlava ancora, arrivò Giuda, uno dei dodici, e insieme a lui una folla con spade e bastoni. Colui che lo tradiva aveva dato loro un segnale, dicendo; “Quello che bacerò”, è lui". Di Giuda non sappiamo granchè. La fonte storica dice che era il tesoriere degli apostoli, e che era un ladro. Quando Maria di Betania ha unto i piedi di Gesù con un olio profumato di gran valore, Giuda ne era contrario dicendo che sarebbe stato meglio venderlo per dare i danari ai poveri. "Diceva così, non perchè si curasse dei poveri, ma perchè era ladro, e, tenendo la borsa, ne portava via quello che vi si metteva dentro." (Giovanni 12:3-6).

La Bibbia ci presenta che i capi dei sacerdoti e i farisei (Ebrei) erano colpevoli della Sua morte. "I capi dei sacerdoti e i farisei, quindi, riunirono il sinedrio...Uno di loro, Caiafa, che era sommo sacerdote quell'anno, disse loro: “Voi non capite nulla, e non riflettete come torni a vostro vantaggio che un uomo solo muoia per il popolo e non perisca tutta la nazione. Da quel giorno dunque deliberarono di farlo morire." (Giovanni 11:47-53). Sono questi capi degli Ebrei che, davanti al governatore Pilato, hanno falsamente accusato Cristo d'essere colpevole di sedizione. Quando Pilato ha voluto liberare Gesù, "I Giudei gridavano, dicendo: Se liberi costui, non sei amico di Cesare. Chiunque si fa re, si oppone a Cesare." (Giovanni 19:12). Però la loro vera motivazione era politica. Hanno detto, " Se lo lasciamo fare. tutti crederanno in lui; e i Romani verranno e ci distruggeranno come città e come nazione.'' (Giovanni 11:48). Quindi, loro insistevano presso Pilato che secondo la loro legge, doveva morire, ma che per la legge Romana, non era permesso loro di farlo. "I capi dei sacerdoti e le guardie gridavano:
Crocifiggilo, Crocifiggilo! Pilato disse loro: Prendetelo voi e crocifiggetelo; perchè io "non trovo in lui alcuna colpa. I Giudei gli risposero: Noi abbiamo una legge, e secondo questa legge egli deve morire, perchè si è fatto Figlio di Dio. Pilato quindi disse loro:
Prendetelo voi e giudicatelo secondo la vostra legge. I Giudei gli dissero: A noi non è lecito far morire nessuno." (Giovanni 19:6-7; 18:31).

Anche Pilato, il governatore, era colpevole della morte di Gesù perchè sapeva che Cristo era stato arrestato dagli Ebrei per invidia. "Egli (Pilato) sapeva che glielo avevano consegnato per invidia." (27:18). Ciò nonostante Pilato lo condannò a morte. "Da quel momento Pilato cercava di liberarlo: ma i Giudei gridavano, dicendo: Se liberi costui, non sei amico di Cesare. Chiunque si fa rè, si oppone a Cesare. Pilato dunque, udite queste parole, condusse fuori Gesù...(e) lo consegno' loro perchè fosse crocifisso." (Giovanni 19:12-16).

Anche Dio è colpevole della morte di Gesù. "Perchè Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinchè chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna." (Giovanni 3:16). Iddio è "Colui che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per noi tutti." (Romani 8:32). Gesù stesso disse a Pilato, "Tu non avresti alcun'autorità su di me, se ciò non ti fosse stato dato dall'alto." (Giovanni 19:11).

Perfino Cristo era colpevole della propria morte. Ha detto della sua vita che "Nessuno me la toglie, ma io la depongo da me. Ho il potere di deporla e ho potere di riprenderla. Quest'ordine ho ricevuto dal Padre mio." (Giovanni 10:18). Quando l'apostolo Pietro ha detto che Cristo non doveva morire, Cristo ha chiamato Pietro "Satana". "Da allora Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molte cose da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti, degli scribi, ed essere ucciso, e risuscitare il terzo giorno. Pietro, trattolo da parte, cominciò a rimproverarlo, dicendo:
“Dio non voglia, Signore! Questo non ti avverrà mai. Ma Gesù, voltatesi, disse a Pietro:
Vattene via da me, Satana! Tu mi sei di scandalo. Tu non hai il senso delle cose di Dio, ma delle cose degli uomini." (Matteo 16:21-23). Difatti, Cristo ha annunciato a suoi discepoli che è venuto al mondo per morire: "Poi cominciò a insegnare loro che era necessario che il Figlio dell'uomo soffrisse molte cose, fosse respinto dagli anziani, dai capi dei sacerdoti, dagli scribi, e fosse ucciso e dopo tre giorni risuscitasse." (Marco 8:31).

Alla fine, io, noi, e tutta l"umanità (da Adamo fino a l'ultimo uomo su questa terra), siamo colpevoli della morte di Gesù. È stato il nostro peccato che ha portato Cristo alla croce. "Egli è stato trafitto a causa delle nostre trasgressioni, stroncato a causa delle nostre iniquità. Il castigo, per cui abbiamo pace, è caduto su di lui e mediante le sue lividure noi siamo stati guariti. Noi tutti eravamo smarriti come pecore, ognuno di noi seguiva la propria via; ma il Signore ha fatto ricadere su di lui l'iniquità di noi tutti." (Isaia 53:5-6). Cristo ha preso su di Se’ la nostra identità' di fallimento e di rovina, per dare a noi la Sua identità di perfezione e di santità. "Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinchè noi diventassimo giustizia da Dio in lui." (2 Corinzi 5:21). L'uomo nel suo stato naturale è in inimicizia con Dio, e per questo Cristo è andato alla croce in modo che possiamo essere riconciliati con Dio. "Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo; che, “mentre eravamo ancora peccatori. Cristo è morto per noi... Se infatti, mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita." (Romani 5:8,10).
Più d'un secolo fa, un certo Octavius Winslow ha scritto, "Chi è che ha consegnato Cristo alla morte? Non è stato Giuda a motivo dei soldi; non è stato Pilato a motivo della paura; non sono stati gli Ebrei a motivo dell'invidia; ma è stato il Padre celeste a motivo dell' amore."

Ti invitiamo a conoscere la chiesa di Cristo di Firenze, un gruppo di persone che vivono, comunicano e si
aiutano seguendo l'esempio e l'amore di Cristo che è l'unico in grado di offrire la speranza della vita eterna
Offriamo un corso biblico interattivo via internet al quale vi invitiamo a iscrivervi
  Chiesa di Cristo di Firenze - Via San Donato 13/15 - 50127 Firenze - Culto domenicale ore 10:15 - Mappa e orari incontri
       Tel 055360534 - Web:
http://firenze.chiesadicristo.org - Email: firenze@chiesadicristo.org
Chiesa di Cristo di Firenze - Comunitą cristiana religiosa della chiesa di Cristo in Firenze. Dottrina di fede, attivitą, luoghi di incontro, notizie, orari, newsletter, corsi e studi biblici Portfolio clienti siti web progettati e realizzati da SITILAB Portfolio clienti siti web progettati e realizzati da Infoweb italia ADUC associazione per i diritti degli utenti e consumatori La Scuola Biblica di Firenze - Corsi biblici, studi biblici, corsi di inglese
ENGLISH VERSION VERSIÓN EN ESPAÑOL

realizzazione siti internet